Login



La rivoluzione continua





Articoli
Articoli PDF Print E-mail

Articolo di Repubblica: le macchine al servizio dell'uomo

Il Movimento per il Paradismo dichiara il 1 maggio Giornata internazionale del Paradismo

Il Governo Mondiale è più che mai necessario

POSSIAMO CAMBIARE IL MONDO

Come deve essere il governo mondiale

Il governo del mondo deve governare attivamente

Quello che il governo del mondo in realtà propone di fare

Il lavoro, una schiavitù

Reddito universale garantito

Economia e politica. La Moneta Unica

Chi controlla il denaro controlla il mondo.

I paesi che offrono di più avranno la meglio!

Meritocrazia e i giovani

I programmi scolastici

Una società della non violenza. La sola logica accettabile è:  Amore – umiltà – non  violenza

La scienza

La razza umana

Il Governo Mondiale non è un istituzione di potere.



Articolo di Repubblica

http://www.repubblica.it/scienze/2013/09/28/news/paradismo_tecnologia_uomo-66975874/?ref=HRERO-1

"Le macchine? Al servizio dell'uomo. Il Paradismo è la filosofia del futuro"

L'idea utopica del "paradiso in terra" sta accogliendo adepti in diverse nazioni del mondo: l'obiettivo è che l'essere umano dedichi la propria vita alla ricerca, alle arti, agli studi, o allo sviluppo personale. Lasciando ogni incombenza alle macchine che "libereranno l'individuo dalla schiavitù del lavoro e del denaro". Ecco come di LUDOVICA AMOROSO

UOMINI amministratori e automi manovali. O meglio: uomini creativi, intellettuali, scienziati, artisti e robot creatori di forza lavoro. Una teoria racchiude questo pensiero in una parola: Paradismo, sinonimo di "tecnologia al servizio dell'uomo".  Un mondo in cui l'innovazione libererà l'umanità dalla schiavitù di denaro e di lavoro. Dimentichiamo perciò la concorrenza uomo-macchina, quella su cui economisti, ricercatori,  sociologi stanno da tempo dibattendo perché considerata come crescente piaga del futuro per la perdita di 5-10 milioni di posti di lavoro ogni anno. Opinione condivisa è che sia fondamentale competere con le macchine e non andare contro di esse.  "E' la chiave per vincere la gara": lo avevano scritto  Andrew McAfee ed Erik Brynjolfsson, ricercatori  del MIT, nel loro libro "Race against the machine".

"In medicina, nella ricerca scientifica, così come nel diritto, nella finanza, nel commercio e nella produzione", la componente umana deve costituire l'elemento essenziale. Per il futuro, ci ha dichiarato qualche tempo fa il professor Emanuele Micheli, coordinatore didattico della Scuola di Robotica di Genova, "è plausibile che si prefigurerà uno scenario di professioni qualificatissime, intellettuali e/o creative, mentre ai droidi spetterà il compito  di sostituire l'uomo nelle mansioni più complesse e pericolose".

Il Paradismo, invece, elimina l'intervento umano nella gestione e in futuro anche nella realizzazione dei prodotti e dei servizi. Va perciò molto oltre quanto sopra riferito dai ricercatori che abbiamo citato. Tutto è affidato nelle mani degli instancabili robot, programmati per il cento per cento di efficienza. Solo per fare qualche esempio: si lavora allo sviluppo di materiali intelligenti che trasformeranno e che si trasformeranno in oggetti (ovvero la materia riprogrammabile o "Claytronics", quel settore emergente dell'ingegneria relativo a robot nanometrici riconfigurabili); stampanti in 4D (dove la quarta componente è il tempo); o macchinari che possono produrre tutto ciò che vogliamo o che possiamo immaginare. Insomma si lavora alla nascita di una "tecnologia che ci renderà liberi".  

In quella parola, Paradismo, sarebbe racchiusa la soluzione di salvezza globale sul nostro pianeta. Un movimento che ha alla radice l'idea di un sistema sociale, economico e politico che libererà l'uomo, come dicevamo, dalla schiavitù del lavoro e del denaro.

Per quanto paradossale ed utopica possa sembrare, l'idea del "paradiso in terra" sta accogliendo adepti in diverse nazioni del mondo (sono già 10 i paesi in cui si sta agendo concretamente) con la nascita di una serie di movimenti paradistici coordinati da un'organizzazione internazionale denominata 'Earth People Organisation', il cui slogan si può riassumere in: "Dai il lavoro alle macchine e libera le persone".  E che fa a capo ai raeliani: per intenderci, un movimento religioso fondato negli anni '70 e basato sulla credenza che la vita sulla terra sarebbe stata creata da alcuni extraterrestri attraverso l'ingegneria genetica.

Gli utopici sostenitori del Paradismo desiderano che l'uomo dedichi la propria vita alla ricerca, alle arti, agli studi, o allo sviluppo personale. Insomma viva in una società del tempo libero. Il punto di partenza è che le gravi crisi economiche saranno sempre più frequenti e che il futuro della produzione passerà, comunque, quasi interamente nelle mani dei robot, anche se non possiamo sapere in quanto tempo si verificherà questa transizione e in che modo le economie verranno regolate con la sostituzione progressiva della forza lavoro. Per questo, affermano, la soluzione "radicale ed efficace" è concentrare gli "sforzi sullo sviluppo delle più moderne tecnologie, così da poter delegare ogni incombenza lavorativa alle macchine, redistribuendo gratuitamente ed equamente a tutta la popolazione la produzione di beni e servizi. Il proletariato verrà così sostituito da robot e computer, ed ognuno potrà gioire di un mondo senza più denaro". La loro teoria si basa sul concetto di "nazionalizzazione" dei beni e servizi  attraverso un "Governo Mondiale che elargirà reddito universale minimo e condividerà le risorse con saggezza".  

Intanto nel gennaio del 2011 è nato in Italia il primo Movimento per il Paradismo, già presente anche in Francia, Svizzera, Slovenia, Romania, Svezia, Australia, Belgio, Brasile e Costa d'Avorio.



Il Movimento per il Paradismo dichiara il 1° maggio Giornata Internazionale del Paradismo


Comunicato Stampa


“In contrapposizione alla consueta e tradizionale celebrazione della Giornata Internazionale del lavoro, intendiamo proclamare il 1° maggio Giornata Internazionale del Paradismo, in previsione dell’ormai imminente caduta del capitalismo”, afferma Ezael De Marco, presidente del Movimento per il Paradismo.

Il Movimento per il Paradismo (www.movimentoperilparadismo.org) è un movimento politico composto da cittadini senza distinzione alcuna di genere, razza, ceto sociale e credo religioso, accumunati tutti dallo stesso desiderio: realizzare una società senza più lavoro né denaro. Le nuove tecnologie, presto disponibili, renderanno infatti del tutto superflua la manodopera umana, liberando le persone dalla preoccupazione di dover guadagnare per poter vivere dignitosamente.
“E' del tutto inaccettabile continuare a tenere in vita questo sistema ormai prossimo al collasso quando la tecnologia oggi può sostituire gli esseri umani nello svolgimento di ogni loro mansione”, prosegue De Marco. “Per la prima volta nella storia abbiamo la possibilità di realizzare una società a misura d’uomo, una società del tempo libero dove ogni incombenza sarà svolta da macchine poste al nostro servizio. Se tutti fossimo animati da questo ideale, sarebbero sufficienti pochi anni per concretizzare questo progetto”.
Molte persone sono spaventate perché pensano che l’avvento dell’automazione porterà inevitabilmente a maggiore disoccupazione e povertà. “Ma non c'è alcun motivo di temere la povertà con il livello di tecnologia di cui disponiamo attualmente”, spiega De Marco. “In questa epoca di progresso tecnologico, la scienza è in grado di liberare totalmente gli esseri umani dalla schiavitù del lavoro, consentendo loro di dedicarsi esclusivamente alla propria realizzazione personale, in una società che sarà in grado di soddisfare gratuitamente ogni esigenza”.





Il Governo Mondiale è  più che mai necessario


Recentemente pubblicato sulla rispettabile rivista Science , un top di scienziati ambientali ed economisti avvertono più che mai che "Le crisi di cui l'uomo è responsabile stanno superando la nostra stessa abilità nell'affrontarle" . Questi ricercatori hanno citato "Energia, cibo e la crisi dell’acqua,  perturbazioni climatiche, pesca  in declino, l'acidificazione degli oceani, le malattie emergenti  e aumento della  resistenza agli antibiotici sono esempi di gravi sfide intrecciate su scala globale generate dalla scala di accelerazione delle attività umane". Hanno  inoltre dichiarato che le singole nazioni  sono incapaci  di risolvere i tipi di sfide planetarie  che stanno  sorgendo.

Questa è la prova che la necessità di un Governo Mondiale è più  che mai necessario  ed è di fatto l'unico modo per salvare l'umanità non solo per salvarla dai "cambiamenti climatici, pesca in alto mare e la resistenza agli antibiotici ", ma dal pericolo più pericoloso dall'uomo: le armi di distruzione di massa e la popolazione militare, come pure un altro pericolo che non si parla e che può essere peggiore: la  sovrappopolazione e quelli che la spingono come le  religioni primitive,  come la Chiesa cattolica e i discorsi del Papa che chiedono  alla gente di non utilizzare il controllo delle nascite e l'aborto, ma di  fare quanti più bambini possibile. In effetti queste religioni primitive sono prigionieri dei  loro "libri sacri" che chiedono agli uomini di avere quanti più bambini possibile. E siccome è la "parola di Dio" non può essere modificato dal  Papa ... in modo che non cambierà mai  nulla, anche se stiamo morendo a causa della sovrappopolazione con 2  strati di esseri umani sulla Terra, non possono dire il contrario, perché "Dio ha chiesto all'umanità di moltiplicarsi"...

http://www.sciencedaily.com/releases/2009/09/090911095358.htm


POSSIAMO CAMBIARE IL MONDO

Tanto più rapidamente cambieremo il vecchio sistema tanto più apprezzeremo  il nuovo. La società si evolve e siamo tutti consapevoli  che non possiamo tornare indietro e che il passato non ha prodotto le condizioni migliori per la nostra vita. Pertanto non ci resta che andare avanti e accettare il nuovo, nonostante tutti i dubbi  che possono sorgere. Il mondo cambierà sempre, è nella natura dell’uomo. L’importante è di prendere coscienza che ogni cambiamento può apportare un miglioramento delle condizioni umane. Da un mondo primitivo dal quale siamo giunti andremo inevitabilmente verso un mondo fantastico; per realizzarlo dobbiamo convincerci che solo il cambiamento può migliorare questo pianeta, perché ogni cambiamento arricchisce. Il modo migliore per creare il futuro è crearlo. Noi popolo libero di internet possiamo fare la differenza.


Come deve essere il governo mondiale

Il Governo mondiale deve essere considerato neutrale dagli aspetti della vita politica L’attuale sistema politico, a causa del suo carattere assolutista,  dimostra un genere di ambiguità politica che si sbarazza della politica stessa, con la possibile tendenza a divenire una dittatura. Tutti coloro che desiderano il bene generale del bene di tutti, possono partecipare alla formazione iniziale del primo Governo Mondiale Temporaneo virtuale. Noi di Earth People Organisation intendiamo agire alla realizzazione di questo primo Governo Mondiale per fare in modo di risvegliare le coscienze sulla necessità di dare una svolta inevitabile nella storia di questo pianeta, perché di questo passo rischiamo l’immobilismo che è assai più rischioso di un qualsiasi altro cambiamento. Riteniamo che la formazione del Governo Mondiale sarà l’unica possibilità che avrà il pianeta di entrare nell’era della fratellanza, del benessere e della felicità. In caso contrario,  considerando la situazione ai nostri giorni, sarà la causa dell’inevitabile catastrofe e di una enorme perdita di tempo prezioso. Le politiche attuali sono farcite di eccessivo nazionalismo, vittime delle emozioni comuni generate dalle paure. Questo si riflette a livello internazionale e sono  la causa delle tensioni, delle crisi economiche, del rischio di una guerra nucleare o di una qualsiasi conflitto. Gli interessi personali e della politica stessa sono la causa stessa di questa situazione. Esiste una mancanza di presa di coscienza della necessità di sentirci uniti e lavorare assieme per il bene comune che è l’aspetto principale al raggiungimento di questo progetto chiamato Governo Mondiale. Siamo certi che gli avvenimenti, le crisi economiche sempre più frequenti e drammaticamente sfavorevoli all’umanità, indurranno gli uomini della politica e dei ricchi a fare delle scelte drastiche spesso pericolose, visto la loro mancanza di saggezza. I politici dimostreranno sempre più la loro incapacità di gestire e i ricchi perderanno gradualmente il loro potere. In questa situazione non è l’uomo a creare gli eventi, ma sono gli eventi a creare l’uomo; in questo caso i mali del mondo hanno creato  le condizioni ideali per non accettare più le angherie di chi, dall’alto dei loro troni e del loro potere,  non ci comprende. Vogliamo creare un mondo  nuovo, pertanto, si rende necessario sentirci uniti in un unico ideale che  accomuna la maggioranza degli uomini e donne di questo pianeta in un programma mondiale che tenga in seria considerazione la nostra felicità e la libertà.

Il termine “Amore” è sempre stato ignorato dalla politica stessa; è giunta l’ora che si incominci ad utilizzarla sempre più spesso ed entri a far parte del linguaggio comune. L’amore è la più bella dimostrazione di intelligenza e di comprensione verso i nostri simili. Non devono essere le differenti culture o le religioni a creare divisioni, dobbiamo necessariamente convincerci che solo l’amore può salvare il pianeta. L’amore è la forza che tiene uniti i popoli e questo è un caposaldo della futura politica. Le generazioni passate hanno commesso numerosi errori a discapito dell’Umanità, ora giunge necessariamente il bisogno di comprendere che la nostra generazione può fare la differenza. Possiamo far diventare questo nostro pianeta un vero paradiso. Le possibilità ci sono  e questo è dovuto alla scienza. Solo la scienza ci condurrà al Paradismo, questo sistema che libererà l’uomo dal giogo del lavoro e quindi del denaro. Il nostro futuro è vincolato a una scelta, o avrà l’amore o sarà la fine. Il governo mondiale  non si basa sul potere con l'arma delle minacce di punizione. La sua autorità deriva dalla necessità per l'umanità della sua correttezza e giustizia e di una gestione alternativa di organizzare questo pianeta. Non ha ambizioni territoriali o disegni bellici e non propone di arrogarsi le funzioni che spettano ai governi esistenti. Il Governo Mondiale dovrà porre le basi di un graduale cambiamento politico necessario per il bene di questo pianeta. Il governo mondiale non sarà secondo a qualsiasi altro governo nazionalista. Esso si basa su un approccio dialettico ai problemi del mondo. Ciò che questo implica è chiarito per quanto possibile, qui di seguito:


Il governo del mondo deve governare attivamente

Esso deve essere pratico ed efficace nel suo funzionamento.  Un governo degno di questo nome deve conseguire risultati positivi  rendendo  la vita umana sulla terra meno piena di umiliazione, di impotenza o sofferenza. Il Governo Mondiale deve premunirsi di  non cadere nell'errore opposto facendosi coinvolgere in un labirinto di azioni palesi che creano sentimenti di rivalità e divisione.   Per evitare la guerra, per garantire la sicurezza collettiva, rendere possibile la coesistenza  e lo sviluppo sociale dovrà essere il garante, e la sua autorità non dovrà essere messa in discussione.


Quello che il governo del mondo in realtà propone di fare

In primo luogo si propone di  far valere una visione mondiale nuova e totale sui problemi del mondo. Esso contribuirà a rivelarsi sempre più cittadino del mondo che rappresenti l'interesse generale e il bene di tutti.  Si adopererà per la felicità dei suoi simili, gli uomini, in modo coerente con la stessa saggezza che lo contraddistingue. Per chiamarsi cittadini  sovrani del mondo  è necessario  affiliarsi alla nobile idea,  che il vero valore umano è amare l’essere umano non ignorando  che ciascuno cerca di fare del proprio meglio per vivere. Riteniamo che alcune verità siano di per sé evidenti: che tutti gli uomini sono stati creati uguali e dotati di alcuni diritti inalienabili, fra questi la vita, la libertà e la ricerca della felicità. Lo sforzo del Governo Mondiale è di  aiutare i cittadini del mondo a sentirsi fratelli e collaborare per rendere questo pianeta un vero Paradiso.


Il lavoro, una schiavitù

Uno degli aspetti peggiori dell’attuale cultura è di far credere che sia la migliore, ma non è così.  Si chiede alla gente di lavorare sei giorni la settimana e tutti condividono l’obbligo, ma nessuno prende realmente coscienza che ci stanno rubando  l’unica vita che abbiamo e non ne avremo un’altra. Noi siamo unici e la nostra vita ha un valore inestimabile, abbiamo  solo questa e ci fanno lavorare sei giorni alla settimana e in un solo giorno dovremmo costruire la nostra vita, e il tempo passa e invecchiamo inesorabilmente, fino a non essere capaci di cambiare più nulla. Siamo talmente prigionieri in questa gabbia che se un giorno la porta sarà aperta non si vorrà più uscire, abbiamo talmente paura di cambiare che preferiamo rimanere chiusi nella nostra sterile gabbia. A ragion di logica se le tecnologie sono in continuo aumento, il lavoro umano dovrebbe diminuire; ma non accade così. Ci viene chiesto di dare sempre di più per far arricchire  una sola persona, il padrone ed è oggettivamente mostruoso sapere che devi  essergli grato, ma se la produzione dovesse diminuire sei il primo ad essere licenziato.

C’è chi dice che ormai è  irreversibile l’attuale sistema;  questa  risposta è tipica  di coloro che difendono chi li opprime, coloro che non sono più capaci di immaginare la libertà da ogni tipo di schiavitù.  Noi dovremmo aiutarci sempre, dovremmo godere della felicità dell’altro non odiarci e disprezzarci. La vita può essere magnifica e felice, ma l’abbiamo dimenticato, l’avidità, il potere, il denaro ha fatto precipitare il mondo nell’odio, nell’intolleranza, rendendoci cinici e cattivi, ci ha condotto a far le cose più ignobili. Vittime di un sistema che impone la gente ad odiare, torturare e far soffrire le persone. Serve umanità, comprensione, rispetto senza queste qualità la vita è violenza. Fortunatamente l’avidità che ci comanda è solamente un male passeggero, scompare come i dittatori.

Dopo una vita di duro lavoro si giunge alla pensione, rigorosamente assoggettata al sistema basato sul  lavoro, che pensa così: “hai lavorato una vita ora che sei  vecchio, dunque non pienamente attivo e non più sfruttabile nonché prossimo alla morte, meriti di riposare”. Quando qualcuno vi possiede e si è  costretti a lavorare,  si diventa schiavi. La società per la quale lavorate vi possiede. Essa vi dà ciò che è sufficiente per sopravvivere. Proprio come gli schiavi del passato  avevano del cibo ed un ricovero, i lavoratori di oggi sono degli schiavi.   Un tempo  per controllare gli schiavi li si chiudeva nei recinti,  ora al posto dei recinti si utilizza il credito. Trent’anni di schiavitù per pagare la propria casa. Per 30 anni voi non potete fuggire siete intrappolati. Ogni mese, voi pagate per la vostra macchina, la casa, o altri beni… Il Governo e le agenzie pubblicitarie vi hanno trasformato in schiavi. Non siete stanchi di esserlo?  Tutti pensano che non sia possibile fuggire da questo sistema, anche voi lo pensate. No, tutto è possibile.  Siamo consapevoli che lavoro ci costringe a prostituirci per il denaro, ma attraverso un reddito minimo garantito, sarà reso possibile soddisfare le necessità primarie e una vita dignitosa senza essere costretti a lavorare, chi continuerà a farlo lo farà per scelta, per aumentare il proprio reddito, per una soddisfazione personale. Le crisi economiche sono l’ago della bilancia di questo sistema, che pende pericolosamente dalla parte di coloro che non hanno più un  lavoro.  Una società basata sul lavoro non ha speranze di continuità e sicurezza.  Le tecnologie avanzano a grandi passi e le aziende avranno sempre meno bisogno dell’utilizzo della manodopera considerato che i robot lavorano meglio, non commettono errori,  non sono soggetti a malattie, non hanno diritto alle ferie e soprattutto non percepiscono un salario. La riduzione della manodopera costringerà la società a ridurre gradualmente le ore di  lavoro fino alla sua totale scomparsa. Sta accadendo molto velocemente.  Noi non abbiamo bisogno di lavorare, non abbiamo bisogno di denaro. Robots, computer e nanotecnologia combinati insieme possono fare tutto quello che voi fate, anche meglio di come lo fate. La chirurgia ne è un buon esempio: i robots sono spesso migliori dei chirurghi. Se dei computer possono fare il nostro lavoro, noi non abbiamo bisogno di farlo. E siccome i robots non hanno bisogno di essere pagati, noi non abbiamo bisogno di denaro. Possiamo gioire di tutto gratuitamente se ci organizziamo e ci uniamo per raggiungere questi obiettivi. Che ci crediate o no, tutto questo accadrà!

I robot sono programmati per:

v   svilupparsi,  provvedere alla manutenzione  e produrre soluzioni a tutti i nostri bisogni e desideri .
La nano robotica  si occuperà di:

v  produrre nutrimento per la popolazione

v   rispondere alle esigenze energetiche

v  sostituire il lavoro manuale con quello dei robots

v  sostituire il lavoro intellettuale con l’utilizzo dell’informatica

v  organizzare  la gestione  urbana

Tra i vantaggi soggetti alla soppressione del denaro riguardano la corruzione, la criminalità, la produzione di armi. Nessun criminale avrebbe motivo di rubare o uccidere per il denaro e tanto meno le aziende che producono armi a fini bellici o per uso personale dal momento che non c’è un profitto.  Scomparirebbero le organizzazioni criminali e il traffico di droga, la prostituzione; insomma, tutte quelle attività lavorative illegali che ai nostri giorni sono in crescente aumento al fine di reperire facilmente il denaro.  Eliminando il lavoro si elimina il denaro. Vi chiederete, ma cosa faremo se non si lavora? Vi dedicherete a voi stessi, alla meditazione, a riscoprire nuove filosofie,  ai vostri piaceri, ai vostri hobby, allo sport, all’arte, potrete aiutare e assistere gli altri, insomma potrete dedicarvi a tutto ciò che vorrete e che produce piacere, visto e considerato che siamo stati creati per questo. Potrete anche lavorare per creare, inventare, fare ricerche, nuove scoperte, tutto al solo scopo di aiutare e dare piacere agli altri  e permettere alla società di progredire  e di vivere meglio. Tutto ciò che si fa gratuitamente lo si fa meglio, perché si ha la mente sgombra dall’obbligo di lavorare per assicurarci le necessità primarie e quando non si hanno problemi per la testa si diventa super creativi. Le nuove tecnologie avanzeranno a tal punto che potremmo fare tutto ciò che vogliamo. Ad esempio, il film Avatar, di cui  avrete sentito parlare, vincitore di numerosi premi Oscar, è stato realizzato con i computer. Questi si stanno perfezionando e sviluppando sempre di più; presto ci saranno dei nuovi registi come Cameron che creeranno dei film che saranno delle meraviglie, senza bisogno di attori. Non dovete preoccuparvi di questo, ogni cosa a suo tempo, per il momento preoccupiamoci  di ciò che possiamo fare oggi per il nostro bene di domani, possiamo solo scegliere tra due possibilità: o rimanere immobili  al presente con tutti i suoi problemi, precipitando in crisi economiche sempre più disastrose a discapito di tutti e con il possibile rischio di una guerra nucleare, oppure credere alla possibilità di un’alternativa che sarà facilmente realizzabile e che può portare della speranza a questo pianeta. Non possiamo disperare, è la nostra unica vita, possiamo cambiarla. Ci sono persone in questo pianeta che possono fare la differenza, possono aiutarci.  Il popolo ha la forza per trasformare un nuovo mondo, per dare ai giovani ciò che non abbiamo ottenuto noi. Lottiamo per un mondo più ragionevole, per un mondo migliore, dove regni incontrastata la felicità.

I tiranni, i dittatori, i politici, hanno un unico timore: l popolo.  Esso ha  la forza di poter cambiare la vita di tutti rendendola bella e migliore, e fare di questa vita una splendida avventura. Possiamo  liberare il mondo eliminando confini e barriere, eliminando l’avidità, l’odio e l’intolleranza grazie alla democrazia; creiamo  insieme un mondo ragionevole, un mondo in cui la scienza e il progresso diano a tutti gli uomini il benessere e la felicità. I sogni si possono realizzare, basta volerlo. Una di queste scelte vi viene offerta  in questo sito. Il primo passo è credere nei programmi e progetti di  questo Governo Mondiale Virtuale.


Reddito universale garantito

Si tratta di un cambiamento di paradigma. E’ il primo passo per aiutare tutti i cittadini del mondo a vivere una vita più felice. Questo reddito universale minimo garantito  viene  pagato a tutti, senza alcun obbligo di attività o contropartita, per una somma sufficiente che gli permetta di esistere e partecipare alla vita sociale. Tutti gli altri redditi privati ottenuti per la maggior parte da redditi da lavoro, sono aggiunti a questo reddito minimo.  Percepire un reddito di valore unico, indipendentemente dal reddito da lavoro,  consente a ciascuno di soddisfare i propri bisogni di base: avere una casa, mangiare, vestirsi. Questo permetterebbe agli individui di essere liberi di gestire la propria vita come vogliono e vivere una vita più felice, senza essere oppressi dai problemi primari. Il reddito di base garantito diviene un diritto civile. Alla nascita di un individuo potremmo dire con orgoglio: benvenuto sulla Terra. Questo rafforza il volto umano dei sistemi sul pianeta. Il nostro avanzamento tecnologico e scientifico ci permette di rivedere possibili cambiamenti nel mondo del lavoro, perché il progresso libererà l’uomo dalla schiavitù del lavoro stesso. L’uomo ha la capacità di essere più creativo quando non è soggetto al lavoro forzato per soddisfare i suoi bisogni primari. Porremmo fine alla disoccupazione, alla povertà, alla fame. Il lavoro diverrà meno costoso in fatto di spreco di energie e più stimato come qualità. Un maggior impegno sociale con un  aumento del volontariato. Nessuno sarà obbligato a lavorare ,ma lo farà eventualmente per il proprio piacere, per raggiungere i propri obiettivi. Ogni lavoro sarebbe maggiormente apprezzato e di lavoro ce ne sarebbe per tutti, nei tempi che ognuno stabilirà. Questo sarà un passo fondamentale che aprirà la strada al Paradismo.

Questo reddito si basa su tre punti fondamentali:

1-     Incondizionato e incedibile (al contrario dell'indennità di disoccupazione, condizionata alla ricerca di un lavoro);

2-     Cumulabile con un reddito da lavoro;

3-     Corrisposto alle persone fisiche e non alla famiglia, così da promuovere l'autonomia di ciascuno.


Economia e politica. La Moneta Unica

La moneta unica  è un progetto su cui è urgente lavorare e alla cui realizzazione bisogna pensare seriamente ;  siamo ancora molto lontani da una moneta unica mondiale, ma viviamo in un periodo nel quale il dibattito a riguardo è molto intenso.  La Moneta Unica come priorità e'  un' idea che sta gia' prendendo piede anche ad alto livello. Ne ha parlato la Banca centrale Cinese, altri paesi come Russia, Brasile, Giappone ed in parte anche Francia e Germania hanno manifestato interesse per un' Unica Moneta. L'unico ostacolo per questa riforma sono gli USA che ovviamente non vogliono  perdere lo status di paese dominante con il Dollaro moneta di scambio  internazionale. La creazione di  una moneta unica mondiale, come sostengono gli esperti del mondo economico, è condizione necessaria per una gestione governativa  mondiale sulla  stessa  linea di quanto avvenuto in Europa. In tal senso è inevitabile e  si rende necessario pensare ad un governo mondiale.  E’ già da diversi anni che vediamo  banche,   gruppi automobilistici, grandi imprese fondersi fra loro e coalizzarsi per sopravvivere alla crisi e alla sfida del mercato mondiale. Questo vale anche  per le valute che dovranno fondersi affinché le economie locali nell'ambito della globalizzazione possano sopravvivere.  Sarà un passaggio obbligato prima di arrivare finalmente alla soppressione del denaro grazie alle nuove tecnologie,  e soprattutto all’utilizzo della nanotecnologia come previsto nel progetto Paradismo. La moneta unica  e' indispensabile per evitare il collasso del sistema finanziario che sarebbe l'anticamera della Terza Guerra Mondiale. L’attuale  crisi economica  deve servire da campanello d'allarme per motivare la Società ad operare il cambiamento e non deve essere troppo drammatica. Il Mondo e' dominato dal denaro e dagli interessi economici e il Potere  Economico viene prima di quello politico. E' l'economia a controllare la  Politica e non il contrario. Dunque l'economia può essere un cuneo importante per far passare il cambiamento. Il mondo dell' Economia del resto e' più flessibile, e più veloce della  Politica e i cambiamenti possono essere recepiti meglio dalla società e facilitare il nostro lavoro. Prendiamo l'esempio dell' Europa che dovrebbe essere un'entità politica ed  economica. La parte economica si sta ben realizzando, (mercato unico, unica moneta,  libera circolazione delle merci.), ma per quanto riguarda il lato politico siamo ben lontani dal realizzare un governo Europeo. L'Europa, quando si tratta di decisioni politiche,  non parla con un'unica  Voce, ma ogni stato ha una sua opinione e l'orgoglio nazionalista di ogni singolo Paese è ancora molto forte. Ciò è normale poiché la Politica e' composta da incompetenti che vivono in un altro secolo e non sono capaci di prevedere, cioè di Governare. Mentre il Mondo dell' Economia vede  protagonisti i giovani più  propensi al cambiamento. Tutto sta accadendo molto velocemente. L'economia si sta sbriciolando, ma non dobbiamo essere spaventati perché ciò porterà ad un mondo senza soldi né lavoro.  Le persone sono preoccupate quando sentono che alcune banche falliscono. Quando accade questo, dovremmo gioirne! Sta avvenendo quello che è inevitabile: un mondo senza soldi, politici, esercito, violenza;  un mondo dove possiamo gioire della vita e possiamo dare dell’amore. Sta accadendo perché il sistema monetario sta collassando. Stiamo vivendo il momento più eccitante nell’intera storia dell’Umanità. Questa situazione porterà inevitabilmente al cambiamento, una trasformazione che  offrirà solo vantaggi per tutti se sapremmo fare le giuste scelte. Ciò che ci accingiamo a vivere produrrà  una serie di sostanziali modifiche agli attuali sistemi politici,  sociali  ed economici. Si renderà necessaria  una gestione politica  lungimirante non comune, gestita da individui al di sopra delle parti: i saggi, i geni, gli artisti, persone che abbiano un’attitudine esclusivamente filantropica. I problemi che l'umanità sta affrontando sono molto più grandi delle capacità di coloro che li hanno generati, vale a dire gli attuali politici ed economisti, che hanno dimostrato la loro incapacità di prevedere, perché  governare significa prevedere. La moneta unica mondiale e la formazione di un  Governo Mondiale appaiono in questo momento un po' meno che un'utopia  e  un po' più di una speranza.


Chi controlla il denaro controlla il mondo.

“Le istituzioni bancarie, con il potere di creare ed emettere  moneta, sono più pericolose di un esercito in armi”, disse    Thomas Jefferson (1801) scienziato e III presidente degli Stati Uniti. I banchieri delle banche centrali come la Federal Reserve, la BCE  e le banche centrali nazionali, stanno lavorando assieme per creare un unico potere economico attraverso la creazione di un Governo Mondiale. Tale scopo creerebbe uno stato di polizia globale che avrebbe il potere di controllare. La maggior parte delle persone non hanno idea del fatto che questi privati e non eletti banchieri, in realtà controllano i sistemi politici di ciascun paese e l’economia mondiale nel suo insieme. Loro finanziano e traggono profitto da tutte le guerre senza alcun riguardo per l’Umanità. E’ per questa ragione che il Governo Mondiale che intendiamo realizzare deve provenire dal popolo, prima che venga formato dal potere bancario e dai politici manovrati, e incapaci di vedere più in la. Il Governo Mondiale virtuale è più importante di quello che possiamo immaginare. Se milioni di partecipanti fanno sentire la loro voce, attraverso un Governo eletto dal popolo e composto da saggi, nessun governo politicamente eletto attraverso gli intenti e le manovre del potere bancario, si sentirebbe sicuro.


I paesi che offrono di più avranno la meglio!

Attualmente  i governi nazionali limitano drasticamente i finanziamenti e la libertà d’azione dei ricercatori , dimostrando in questo modo la loro scarsa lungimiranza e a causa del profitto, e agli interessi ideologici, finanziari, militari o religiosi. Questo è solo l'inizio di una feroce concorrenza tra i morenti  stati dell'economia mondiale e l'inizio del loro crollo finanziario. Le nazioni dovrebbero offrire sempre più vantaggi agli imprenditori di talento e scienziati. I paesi che offrono di più attireranno i migliori da ogni luogo del pianeta. Rendendo più facile ottenere i visti saranno ben lungi dall'essere sufficienti. Esenzione dall'imposta sul reddito, esenzioni fiscali a società, e anche aiuti finanziari e sovvenzioni devono essere incluse. Se per raggiungere questo un paese decide di utilizzare anche solo la metà del denaro sprecato  per il suo bilancio militare, allora sarà davanti a tutte le altre nazioni.  Siamo al punto di svolta nell'evoluzione della civiltà. Coloro che favoriscono il talento avranno la meglio e coloro che sono a favore dell’inutile potere militare perderanno. Questo è un cambiamento meraviglioso per il futuro dell'umanità.


Meritocrazia e i giovani

La crisi  pone in pieno svantaggio i giovani accanendosi tra quelli più bravi.  Non vogliamo che i giovani siano destinati a restare una generazione senza voce.  E’ giusto che chi  ha investito di più sulla propria preparazione e capacità, raggiunga i risultati migliori. Le nostre società attuali sono divise, rissose, individualiste, pronte a svendere i minimi valori di solidarietà e di onestà,  per un fine puramente personale e partitico. La nostra è una società immobile, che purtroppo non riconosce il merito dei migliori.  Se oggi la meritocrazia non esiste, il Governo Mondiale si prodigherà a trovare tra i giovani dei talenti che contribuiscano, secondo le loro specializzazioni, ad aiutare l’Umanità ad essere sempre più felice. Gli individui capaci devono trovare il giusto posto per poter contribuire concretamente al raggiungimento del  benessere in questo pianeta. Siamo tutti uguali, tutti umani, solo i nostri talenti sono diversi. Ed è questo che bisogna ammirare e ricompensare.


I programmi scolastici

Stiamo formando dei giovani con un programma che sarà totalmente sorpassato quanto avranno terminato gli studi. È grave! E i giovani lo sanno, ne sono sempre più consapevoli. Il bagaglio scolastico che viene dato ai giovani è vecchio di dieci anni, ed è totalmente inadeguato al mercato del lavoro, alla domanda delle imprese. Ciò che si insegna ai giovani non corrisponde ai mestieri che esisteranno domani. I giovani passano delle ore per imparare a scrivere con la tastiera, a stenografare, e allo stesso tempo si stanno creando dei computer senza tastiera, muniti di un programma che registrerà la voce e scriverà direttamente sullo schermo. Agli studenti si insegna sempre ciò che si faceva nel passato, e questo non può prepararli all’avvenire. Quello che bisogna insegnare loro è ciò che verrà fatto domani.

Bisogna insegnare la speranza ai giovani. Spieghiamo loro com’è bello destreggiarsi in questa società, cercare di trovare qualcosa che stimoli il nostro cervello, la nostra mente, che ci dia voglia di vivere.

Se i libri di storia fossero ben fatti, vi si conterebbero cento pagine su Gandhi, su Buddha, su Gesù, vi si parlerebbe  di tutti coloro che hanno operato per la pace, per la comprensione dei popoli, delle razze, delle etnie, degli individui; e soltanto una pagina prenderebbe in considerazione i crimini di Napoleone, di Hitler, di Giulio Cesare o di Attila. Purtroppo  gli assassini dell’Umanità sono indicati come eroi, popolano la storia di tutti i paesi del mondo,  sono i nostri eroi, a parte il fatto che il loro eroismo prende il via da una logica di violenza e solamente di violenza. I soli veri eroi che la nostra Umanità dovrebbe citare come esempi sono Gesù, Gandhi, Buddha, Martin Luter King e tutti quelli che hanno cercato di elevare l’umanità, di sopprimere le barriere donando la loro vita: “Non battetevi, non siate violenti, amatevi gli uni gli altri”. Esaltare le figure dei grandi geni, dei grandi saggi che hanno fatto progredire l’Umanità. Solo così i giovani proveranno ad avere dei modelli che li aiutino a sentirsi importanti e utili, e che possono anche loro apportare quel benessere necessario a migliorare le condizioni  umane in questo nostro pianeta. Leggere, studiare e comprendere. Più  ci si pone delle domande riguardo a qualsiasi cosa, più si diventa intelligenti, in quanto si sviluppa il cervello per mezzo delle domande.


Una società della non violenza. La sola logica accettabile è:  Amore – umiltà – non  violenza

Niente giustifica la violenza, nemmeno la libertà. Quando si è umili, non si diventa militari, non si diventa guerrieri. La non-violenza assoluta proviene dall’umiltà. Chi sono io per osare di imporre la mia volontà agli altri? Chi sono io? Niente, se non un po’ di polvere. Siamo tutti un po’ di polvere, ma della polvere cosciente, della polvere capace di prendere coscienza che siamo infinito che prende coscienza di se stesso. Noi umani siamo l’intelligenza dell’infinito, perché l’infinito  diventa intelligente solo attraverso un cervello che pensa, che risente.  L’umiltà è la qualità più importante. Quando si è umili, non si diventa militari, non si diventa guerrieri.

Ci viene detto che è necessario accettare il sacrificio, benché mostruoso, di qualche persona. Questo sembra normale a chi ha messo il dito in una logica di violenza: si pensa di aver salvato delle vite perché se ne sono prese delle altre. Con che diritto alcuni avrebbero il diritto di vivere a scapito della morte altrui? Sempre propaganda; propaganda per la violenza che si propaga sempre di più e che si propagherà ancora e ancora, perché diventa un modello di soluzione per l’insieme del mondo. Essa si propagherà nelle giovani generazioni perché è l’unico esempio che viene loro proposto.

Me se la saggezza non è cosa morta, dobbiamo ricordarci che nessun motivo giustifica la morte di un solo uomo. Qualunque cosa  accada, anche se ci dicessero che questo potrebbe salvare il pianeta, non bisogna uccidere chicchessia, perché se se ne può uccidere uno, se ne può uccidere un milione.

Allora i paesi che si dicono civilizzati, in realtà non lo sono, per loro il sinonimo di civilizzato è militarizzato. Una società non può essere entrambe le cose contemporaneamente, o è civile, o è militare.

Se è militarizzata, entra in una logica militare, punisce: “Se non fai quello che voglio, ti correggo”. Ma se è civilizzata, insegna: “Quello che fai è male, è condannabile e ti spiegherò il perché” e se l’altro non capisce, perché la sua coscienza troppo debole lo porta a fare del male a decine di persone, la società lo aiuta curandolo. La violenza, l’odio, l’omicidio possono trarre origine da un disequilibrio ormonale e da un disequilibrio fisico-chimico del funzionamento di questa ghiandola che è il nostro cervello. Una ghiandola che è in noi e che fa si che si possa emanare amore o odio. L’amore è il giusto funzionamento di un cervello umano.

Un cervello che non emette amore è un cervello sregolato. Un cervello che semina odio, violenza, è un cervello che presenta delle anomalie nei propri scambi ormonali ed elettrochimici ed è la ragione per cui la sua coscienza diminuisce fino a scomparire totalmente, non può più provare amore. La coscienza è anche chimica, fisico-chimica.

La non-violenza e l’amore trionfano sempre, bisogna avere pazienza. È vero che alcuni sono morti per difendere quest’idea e bisogna accettare il sacrificio che queste persone fanno della loro vita, sanno il rischio che corrono, lo hanno scelto. Proteggere la vita, ma non combatterla mai, è il dovere di ogni essere umano su questa Terra. Non violenti, ma bisogna comunque agire, non violenti, ma con energia, non violenti, ma con fermezza. Attualmente malgrado la nostra aggressività, la nostra mancanza d’amore e di compassione per i nostri simili,  se non si potesse trovare una  soluzione  saggia, sarebbe totalmente sconfortante.

Gandhi disse: “Non alzerò la mano su niente che sia vivente, e farò trionfare la verità senza violenza”.

È la non-violenza e l’amore di cui la Terra ha bisogno. Perché la guerra non si fermerà mai finché l’amore non sostituirà l’odio, finché l’amore non vincerà sulla violenza, finché non si accetterà di porgere la guancia sinistra, se ci colpiscono sulla guancia destra.  La Terra merita di essere salvata e solo l’amore può farlo. La vita di un solo essere umano è più importante di tutta l’intera umanità, nessun motivo nell’universo giustifica la morte di un solo essere umano. Nessuna vita può essere tolta in nome di un qualsiasi motivo! Anche Maometto disse questo, ma il suo messaggio è stato  ignorato. Bisogna proteggere  e aiutare, soprattutto chi fa del male, perché non sanno quello che fanno. È questo l’amore ed il dono di sé si basa sul sacro principio che è meglio donare la propria vita, che togliere quella di un altro, anche se volesse farmi scomparire. Del resto, la maggior parte delle volte questo non accade, perché ci sono sempre delle soluzioni. Se qualcuno dicesse che bisognerebbe uccidere un uomo per salvare l’Umanità, si dovrebbe rifiutare. Bisogna sempre rifiutare di obbedire ad un ordine che porta danno alla vita o che fa soffrire qualcuno. Bisogna sempre rifiutare di obbedire ad un ordine se è contrario alla vostra coscienza ed ai Diritti dell’Uomo. Ogni uomo che esegue un ordine deve essere considerato responsabile dei suoi atti tanto come colui che ha dato l’ordine.

“La ragione del più forte è sempre la migliore”... Sostenere questo è il contrario della saggezza, è la violenza in un mondo in cui regna una spaventosa confusione mentale e stiamo preparando una generazione che sarà anch’essa, e per questo motivo, spaventosa. Questa generazione rischia di essere terribilmente squilibrata perché a lei la violenza sembrerà banale, dal tanto che sarà abituata ad averla intorno.

I Tedeschi che sono diventati nazisti e che hanno massacrato degli ebrei, degli omosessuali, degli zingari, non erano cattivi alla base. Sono entrati un giorno in una logica spaventosa, in un ragionamento che è parso loro talmente coerente, che hanno aderito al sistema senza rivoltarsi, ma al contrario, credendo di fare bene e di servire la causa.

Si può essere guardiani di pace, perché è bene ci siano degli individui  che potrebbero essere militari riclassificati  che mantengano la pace contro gli squilibrati, i pazzi ed i violenti, non condannandoli a pene talvolta capitali, ma curandoli.

È bene avere una piccola forza di guardiani della pace mondiale. Ma non ci vogliono più militari che conquistino il potere con la forza; è un’aberrazione completa e sappiamo dove questo ha portato molte popolazioni sulla Terra.

Si condanna  la clonazione e si fanno delle leggi per vietarla senza conoscere i vantaggi. Le armi di distruzione di massa sono presenti da molto tempo, ne abbiamo a migliaia e non c’è legge contro tutto questo.  Questi dimostra che i politici sono molto primitivi. In più non esiste alcuna legge contro qualcosa che noi conosciamo bene, qualche cosa che è stata sperimentata ad Hiroshima, in Giappone, e noi sappiamo come ciò sia devastante; non c’è alcuna legge contro! Viviamo in un mondo veramente strano, ma la scienza finirà per vincere.

Il Governo Mondiale opererà per il disarmo, per rendere questo pianeta più sicuro e i soldi verranno investiti sulla ricerca scientifica, le tecnologie, la nanotecnologia, le telecomunicazioni.


La scienza


La scienza deve essere usata per servire l’uomo e per liberarlo e non per distruggerlo ed alienarlo. Il Governo Mondiale  incoraggerà la scienza senza condizioni, quando essa è utilizzata per la vita, per il bene. Noi siamo fanaticamente contro la violenza e per noi il semplice fatto di fabbricare un fucile è più terribile che fare un clone. Un clone è la vita, un fucile è fabbricato per uccidere. Noi siamo fanaticamente contro tutte le forme di violenza ed un mondo civilizzato deve essere un mondo di comunicazione, di comprensione, di tolleranza; non soltanto tollerare ma aiutare le persone ad essere differenti il più possibile, differenti nel loro modo di pensare, differenti nelle loro filosofie, nelle loro religioni, differenti nei loro gruppi etnici, nelle loro tradizioni, ciò è meraviglioso. Siamo dunque a favore della scienza, poiché la scienza ci aiuta ad avere un mondo migliore, dove la gente possa amarsi. Dobbiamo comprendere che siamo biologicamente differenti e più ci sono differenze e più l’umanità è ricca. L’abisso fra il sapere del popolo e il sapere degli scienziati si riduce grazie  alla scienza. Perché l’umanità sia quello che deve essere, sgombra da tabù primitivi. La vita eterna è quella che uscirà dai laboratori e non quella delle credenze primitive. Gli scienziati stanno conducendo gli uomini in un processo di sviluppo incredibile,  essi non se ne rendono nemmeno conto.   La scienza può realizzare tutti i nostri sogni, compreso quello più bello di tutti, quello di non morire. L’accelerazione della scienza è tale che presto in una giornata si inventerà di più di tutto quello che si è inventato nel corso della storia dell’umanità. Si arriva ad un punto in cui la scienza permette di sapere tutto e che tutto il mondo lo sappia. La scienza demistificata ci farà vivere il più grande sogno dell'umanità, il sogno di un paradiso. La nostra religione sarà la scienza e fare della scienza una religione è la nostra missione. La scienza genera amore e salute, la religione spesso genera squilibrio e violenza.  Le credenze portano odio, segregazione, violenza e guerra. La scienza porta amore. Hitler diceva “Gott mit uns” che significa “dio con noi”. Dio può essere l’opposto dell’amore. La Scienza non potrà mai esserlo. La scienza non è che un processo che permette alla coscienza di svilupparsi  e di spiegare l’imperfezione del mondo.

C’è dell’ipocrisia per coloro che sono contro la scienza perché ne approfittano tutti i giorni senza rendersene conto, non sanno vedere e hanno dimenticato da dove vengono.

La scienza e l'amore sono i fondamenti della filosofia del Governo Mondiale poiché la scienza rappresenta la sola via affinché l’Umanità sopravviva e possa sbocciare su questo pianeta. Tuttavia, la scienza ne sarà la chiave solo se essa rispetta la vita a tutti i livelli. Amore, coscienza e scienza, non si può averne una senza le altre due. Non possiamo avere coscienza se non avete amore e scienza, non si può avere amore se non si ha coscienza e scienza, non possiamo avere scienza, se non abbiamo amore e coscienza.

Scienziati del mondo intero che vivono a Mosca, a New York o a Pechino, essi sono gli stessi  perché hanno una sola passione: la conoscenza; essi hanno un solo scopo: far progredire l’umanità per assicurarle un avvenire migliore. Invitiamo tutti gli scienziati a non lasciare che i politici ed i loro militari s’impadroniscano dei loro lavori per servirsene a modo loro. Ripensate sempre a quanto disse Einstein: “se solo avessi saputo”. Ebbene,  gli scienziati ora sanno e possono sottrarre molte conoscenze prima che cadano nelle mani dei politci e i loro militari. Per il Governo Mondiale gli scienziati possono lavorare con priorità assoluta alla messa a punto di mezzi che rendano inefficaci queste armi! Invitiamo tutti gli scienziati a trovare il modo di proteggerci dagli effetti delle loro stesse invenzioni. Li invitiamo a prendere in mano le redini del loro sapere e, allo stesso tempo, quelle dell’Umanità.

La scienza ci apre il cammino verso la felicità. Essa ci permette di avere del tempo libero per vivere meglio, per divertirci, per sbocciare e  il Paradismo sarà la sua risultante.


Il Governo Mondiale sosterrà e investirà tutto nella  ricerca scientifica  perché la scienza sarà l’unico aspetto fondamentale per realizzare gli obiettivi comuni che saranno, attraverso la robotica e la nanotecnologia,  la graduale eliminazione del lavoro e dunque del denaro, e il raggiungimento del benessere per l’Umanità identificabile con il Paradismo


La razza umana

Tutti i paesi che investono sul potenziale umano, senza porre limiti all’immigrazione, qualsiasi sia la razza o il paese di provenineza, saranno dei vincenti, dando cos’ì il via alla formazione di una nuova razza umana unificata.  Stà già accadendo in diversi paesi; questa è una tendenza meravigliosa che aiuterà a portare gradualmente  la distruzione delle nazioni e dei nazionalisti, che sono la causa principale delle guerre. Per l'unificazione del mondo, tutti i paesi dovrebbero accettare più immigrati. La Svezia ha aperto le porte agli immigrati, senza porre limiti; questa è anche una buona lezione per tutti i paesi come la Corea, il Giappone, l’Italia che hanno un notevole calo delle nascite e stanno cercando di invitare le coppie ad avere più figli, piuttosto che accettare gli immigrati. Questa è una politica scandalosa, sciovinista e razzista. In altre parole, la loro politica pericolosa è "no all’immigrazione, ma cerchiamo di avere più figli della nostra stessa razza." Questo è un vero peccato per questi paesi e i loro governi. Tutti i paesi dovrebbero promuovere la contraccezione e anche aprire le proprie frontiere a più immigrati. Questo è il modo per raggiungere un meraviglioso  mix  della razza umana e di muoversi verso un governo mondiale, senza più nazionalismi esasperanti  risultato di culture razziste del passato.


Il Governo Mondiale non è un istituzione di potere.

Il Governo Mondiale non è un istituzione di potere,  ma un organo di ascolto, che comprende e aiuta a trovare possibili  soluzioni. Il popolo elegge i leader e gli eletti sono delle Guide per l’Umanità. Pertanto non c’è nessun potere, solo donare i propri talenti per il popolo. Ma un governo deve esserci , perché al nostro livello sociale se non c’è un governo c’è anarchia.  Il futuro è cooperazione!

Quando ci libereremo dei governi , del potere e delle leggi saremmo giunti a un livello tale che  la Terra diverrà un vero Paradiso.

Noi cerchiamo  persone competenti, capaci, che aiutino la società a svilupparsi, trovando le soluzioni per metterle in applicazione, che abbiano come unico fine il bene dell’Umanità, senza nessuna contro partita.

Il sito  di  EPO è un  centro di  ricezione dei bisogni.

 


Movimenti già attivi

Come fondare il Movimento per il Paradismo nel tuo paese

Who's online

We have 15 guests online

Newsletter

Sondaggio

Sei favorevole al Paradismo?
 

Sondaggio

Tu sei favorevole a un governo mondiale guidato da saggi ma senza potere?